Mare più pulito, in Italia 342 spiagge da sogno

ROMA- Mare eccellente, quest’anno in Italia, su più spiagge dell’anno scorso: sono aumentate a 342 (il 5% di quelle premiate a livello mondiale) quelle che si fregeranno della Bandiera Blu assegnata dalla Foundation for environmental education (Fee) Italia per questa 30/a edizione. Podio incontrastato, con la Liguria che si conferma regina, seguita da Toscana e Marche. Il “sigillo” che ogni anno premia le località che salvaguardano meglio l’ambiente – sulla base di 32 criteri aggiornati periodicamente – e le infrastrutture ‘green’, per il 2017 andrà anche a 163 Comuni e 67 approdi turistici. Boom per i laghi doc in Trentino. La Liguria conferma la leadership per mare cristallino con 27 località (due i nuovi ingressi Camogli e Bonassola), seguita come lo scorso anno da Toscana con 19 località e Marche con 17. La Campania raggiunge 15 bandiere con un nuovo ingresso (Sapri) e la Puglia mantiene le sue 11; l’Abruzzo va a quota 8 con due nuovi ingressi Giulianova e Roseto degli Abruzzi e l’Emilia Romagna perde una bandiera scendendo a 6. Il Veneto e il Lazio confermano le 8 bandiere del 2016, la Sardegna è presente con 11 località e la Sicilia raggiunge le 7 bandiere con l’ingresso di Santa Teresa di Riva; la Calabria arriva a 7 con due nuovi ingressi Roseto Capo Spulico e Soverato, il Molise scende a due bandiere, una in meno dell’anno scorso, il Friuli Venezia Giulia conferma le due bandiere del 2016 e la Basilicata resta a due. I 67 approdi premiati, spiega la Fee, “dimostrano che la portualità turistica ha consolidato le scelte di sostenibilità, rispondendo ai requisiti previsti per l’assegnazione internazionale, garantendo la qualità e la quantità dei servizi erogati nella piena compatibilità ambientale”. Aumentate anche le bandiere per i laghi con il Trentino Alto Adige che raggiunge quota 10 e raddoppia rispetto all’anno scorso; 1 va alla Lombardia e 2 al Piemonte. Il 2017, designato dall’Assemblea Generale dell’Onu “Anno Internazionale del Turismo Sostenibile” di cui la Fee è partner, segna un trend di crescita delle località Bandiera Blu e dimostra l’impegno delle “amministrazioni locali nel cogliere nuove sfide per la gestione sostenibile del territorio, mettendo al centro la connessione terra-mare – spiega Claudio Mazza presidente della Fee Italia – La salute del mare è strettamente correlata alla gestione del territorio”.